1

Il funzionamento della signoria

         Il funzionamento della signoria rurale normanna nell’Italia meridionale si basa sul possesso del suolo. Spesso i signori dividono le terre possedute in lotti, concedendoli ai contadini (i contratti si chiamano «livelli»). I canoni assumono spesso la forma di compartecipazione al raccolto, molto elevati soprattutto per i generi non di prima necessità (vino, etc.).

         Pur essendo la loro una signoria essenzialmente di banno, cioè fiscale e militare, i Normanni non riescono a conservare il complesso sistema bizantino di imposizione diretta. Sfruttano molto invece quella indiretta (già in uso nei principati longobardi); ne è un es. il plateaticum, la tassa sulle foreste versata dalle comunità ai feudatari (e si vedano anche l’herbaticum, il kalendaticum, etc.).

          Per quanto riguarda i diritti giurisdizionali, i signori normanni esercitarono certamente la giustizia civile, solo in rari casi quella penale.

 

 

 

Indietro  Ritorna al menù Cultura  Avanti

Associazione CESN Copyright © 2002 [Cesn Ariano].WebMaster Diego Lavieri Tutti i diritti riservati.
 Home page CESN   | Contatti | Disclaimer |
Ultimo aggiornamento:
 16-02-04